LA COLAZIONE DI PASQUA A TUSCANIA

colazione-di-pasqua-tradizioneLa colazione di Pasqua a Tuscania è uno dei pezzi forti della tradizione. Chi non è della zona, rimarrà di sicuro sorpreso dall’abbondanza e della inaspettata varietà che si troverà difronte e di certo non mancheranno espressioni e commenti di stupore! Questa tradizione non è solo tuscanese, ma è (o forse era), diffusa in tutto il Lazio e parte dell’Umbria.

 

IL MENU DELLA COLAZIONE DI PASQUA

Il menù comprende la parte salata e la parte dolce (con variazioni da famiglia a famiglia). In linea di massima, rientrano nel primo gruppo:

  1. uova sode;
  2. capocollo (un insaccato chiamato anche, in base alla zona, coppa, capicollo, lonza ecc.)
  3. coratella di agnello (con la cipolla o con i carciofi o in padella);

E per finire si passa alla parte dolce:

  1. Pizza di Pasqua;
  2. Uova di cioccolato.

Il motivo di tanta abbondanza è da ricercare nella tradizione cristiana, infatti la tavola così imbandita simboleggia la fine del digiuno dei giorni che precedono la Pasqua.

Vi ho già scritto la ricetta della coratella di agnello con la cipolla per questo qui di seguito troverete la ricetta della coratella di agnello con i carciofi.

INGREDIENTI:

  1. 600 grammi di coratella di agnello;
  2. un bicchiere di vino bianco secco;
  3. 5 carciofi;
  4. peperoncino;
  5. uno spicchio di aglio;
  6. olio extravergine di oliva;
  7. sale qb

PREPARAZIONE:

Prendete una padella capiente e preparate un soffritto olio e con lo spicchio di aglio ed il peperoncino. Nel frattempo lavate e tagliate la coratella a pezzetti, iniziando a cuocere nella padella prima i pezzi più duri (cuore per esempio) e poi quelli più morbidi (milza e fegato). Mentre si cuoce aggiungere il sale e un po’ per volta il bicchiere di vino bianco secco.

A parte, in un’altra padella preparate un soffritto con olio e aglio e quandi quest’ultimo è dorato, cuocete i carciofi tagliati a spicchi.

Quando la coratella ed i carciofi sono cotti, uniteli lasciateli insaporire sul fuoco. Buon appetito!

 

 

 

Precedente Sagra della frittella 2016 Successivo Ricette: la coratella di agnello con i carciofi